Immagine aziendale vs identità aziendale

L’immagine aziendale e l’identità aziendale sono indubbiamente due strumenti chiave del marketing.
La creazione e lo sviluppo di entrambi, per il lancio di un qualsiasi business, presume l’impiego di competenze di marketing, appunto ma, anche di branding, design e copywriting, e riguarda concetti portanti di psicologia comportamentale.

In un mercato globale, affollato da mille ed uno marchi, sono proprio gli elementi dell’immagine e dell’identità ad attirare l’attenzione, a mantenere la fedeltà dei consumatori e, nel complesso, a sostenere il successo aziendale.
La differenza essenziale tra i due è questa: l’immagine aziendale è la percezione pubblica dell’azienda, mentre l’identità aziendale è come l’azienda vuole essere percepita dal pubblico.

Corporate identity
L’identità aziendale riguarda l’aspetto di un’azienda.
Il logo aziendale è una parte certamente portante ma, certo rafforzano detta identità anche sue applicazione su supporti diversi, quali la segnaletica, il design del punto vendita, e qualsiasi altro oggetto, come tazze e penne, od altri gadgets.

Le aziende tendono a modificare l’identità aziendale ad intervalli ma, è quanto mai sconsigliato cambiare radicalmente la grafica istituzionale.
Ciò confonde i consumatori e porta a percezioni di instabilità e di una mutazione dei valori aziendali.
La modernizzazione dell’identità aziendale è più efficace invece, quando le immagini di base rimangono facilmente riconoscibili.

Immagine aziendale
Costruire e mantenere l’immagine aziendale richiede alcuni metodi e competenze diversi da quelli utilizzati nella creazione dell’identità aziendale.
L’immagine aziendale è “percezione pubblica” e gestire questa percezione è cruciale.
Il personale delle pubbliche relazioni protegge e promuove l’identità aziendale, per creare un’immagine nelle menti delle persone.
L’obiettivo finale di un’azienda è l’allineamento esatto dell’identità aziendale con l’immagine aziendale, in modo che il pubblico veda l’azienda esattamente come l’azienda vuole essere vista.

Identità e immagine del marchio
L’immagine e l’identità aziendale sono entrambi elementi dell’istituzione di un marchio.
L’identità del marchio è tuttavia più importante nel complesso, in quanto conferisce ai prodotti una personalità ed un insieme di valori che si fissano indelebilmente nella mente del consumatore.
L’immagine del marchio, al contrario, è il modo in cui i consumatori percepiscono un marchio nel suo complesso.
Le aziende lavorano sull’esperienza del consumatore, proprio per mantenere l’immagine del marchio, ed al fine garantire che questi pensi al marchio nel modo in cui l’azienda vuole che lo faccia.

Mercati liquidi e marketing multicanale

Sempre più spesso sentiamo parlare di multi-channel marketing ma cosa vuol dire esattamente?
In che modo è cambiata la modalità attraverso la quale intercettare i bisogni della propria audience e acquisire nuovi clienti?

Ebbene, i mercati sono divenuti liquidi.

Vi è una nuova tendenza degli utenti, definita dall’Osservatorio Multicanalità come un ‘everywhere commerce’, cioè acquisti effettuati ovunque, forse favoriti dalle tecnologie, in qualsiasi momento della giornata.

Più di una persona dichiara di utilizzare abitualmente diverse piattaforme per informarsi, ed acquista eliminando la separazione tra mondo fisico e digitale.
Due mondi che sino a qualche anno fa apparivano escludersi a vicenda ora sono interconnnessi.
Tv e web radio, social network, mobile, stampa online ed offline, radio: non esiste più un unico canale di vendita.
L’utente tipo delle nuove frontiere digitali si sposta con disinvoltura da un canale all’altro, tra il tradizionale ed il digitale.

Questo non può lasciare indifferenti imprese che devono imparare ad frequentare gli stessi “luoghi” dei loro utenti, per creare un business di successo.
Questo è il motivo per cui l’unica strada percorribile diventa quella dell’adattamento: per utenti multicanale servono strategie di comunicazione e promozione che siano, allo stesso modo, multichannel.

Come creare una strategia multichannel?

Una campagna di comunicazione, oggi, non deve semplicemente limitarsi a creare un bisogno ed a convertire i contatti potenziali in clienti: oggi le aziende devono imparare a guidare gli utenti educando, conquistando la fiducia dell’audience a cui si rivolgono.
L’approccio vincente è di continuo testing, per monitorare costantemente le fasi del processo decisionale di un cliente potenziale, i contenuti più pertinenti, i mezzi attraverso i quali si riesce a costruire una relazione basata sull’integrazione dei mezzi, l’autorevolezza, l’affidabilità e la rilevanza dei contenuti.

Realizzare una buona strategia multichannel, in realtà, necessita di attenzione, preparazione e di un preciso studio del target, dei canali comunicativi e dei competitor.

In genere, una strategia di comunicazione segue una serie di step di fondamentale importanza:

  • Individuazione degli obiettivi
  • Analisi e definizione del target di riferimento
  • Selezione dei canali
  • Individuazione degli strumenti da utilizzare
  • Stesura del calendario editoriale

L’efficacia di queste operazioni, però, è strettamente legata ad un punto fondamentale: la promozione digitale necessita di impegno costante.

Creare un sito web non sempre basta: sarà necessario essere presenti sui social, inviare email personalizzate ed ad hoc, sfruttare le infinite possibilità della pubblicità, stringere rapporti con la stampa sia online che offline e, soprattutto, analizzare i dati con attenzione per sfruttare al massimo le informazioni che riescono a dare sui comportamenti dei nostri utenti.

Impegno ed abilità di un professionista capace, porteranno ad un aumento della visibilità, ad un miglioramento della brand awareness ed alla fidelizzazione dell’utente, che apprezzerà l’azienda ma, soprattutto, l’”esperienza” che gli offre.

 

àrketon agency

Sede Legale

Privacy

Privacy Policy

Cookie Policy